Scegliere un pavimento in legno è dare carattere ad un ambiente, fornirgli la

personalità che lo contraddistingue.

Nella scelta dei pavimenti in legno non vi sono leggi immutabili e assolutamente

vere. Tutto dipende dallo spazio e dall’ambiente che si deve pavimentare, dalle

esigenze a cui fare fronte e dal gusto estetico.

Vi sono però delle regole generali, delle buone pratiche, che possono aiutare nella

decisione per compiere un acquisto sicuro e consapevole.

LO SPESSORE DEI LISTONI

Valutare lo spessore delle plance è importantissimo per armonizzare il

pavimento della stanza che verrà rivestita con quello delle stanze adiacenti,

senza generare scalini o piccoli dislivelli.

La scelta dello spessore delle tavole influenza anche la loro resistenza agli urti,

l’assorbimento del suono, la solidità e la tenuta del pavimento in generale. Lo

spessore delle tavole va sempre considerato in proporzione alla loro dimensione.

LA DIMENSIONE DELLE TAVOLE

Oggi sono molto apprezzati i pavimenti in legno con ampie tavole, lunghe, ma

soprattutto larghe. È un ottimo modo per valorizzare lo spazio interno di una

stanza, godere delle fantasie naturali del legno e ottenere un ambiente accogliente

e piacevole.

Questa soluzione è particolarmente indicata per spazi medi o ampi nei quali la

superfice del pavimento visibile è estesa.

LAVORAZIONE E FINITURA DEL PAVIMENTO IN LEGNO

Il panorama di lavorazioni e finiture che si possono compiere sulla tavola grezza

è estremamente ampio . Questi interventi assegnano carattere al pavimento e

permettono di personalizzarlo.

È molto importante in questa fase affidarsi ai consigli di un esperto che sappia

indirizzarvi verso la soluzione più adatta ai vostri bisogni e possa farvi

comprendere i vantaggi specifici di ogni lavorazione.

Vi sono interventi che mutano la superficie delle tavole come: levigatura,

spazzolatura, piallatura. Gli interventi di finitura come finitura a olio, a vernice

o tintura intervengono, invece, sulla colorazione, sulla resistenza e sul design del

parquet.

IL TIPO DI POSA

In funzione alle caratteristiche dello spazio da pavimentare si può optare per la

posa incollata, la posa flottante o quella inchiodata.

Il tipo di posa è influenzato molto dallo spessore della tavole, per tavole da 10

mm è molto consigliata la posa incollata, per quella flottante sono necessarie

tavole di dimensioni maggiori.

Prima di decidere il tipo di posa è indispensabile far effettuare un sopralluogo da

un esperto per stabilire quale è la miglior soluzione in relazione all’ambiente che

ospiterà il pavimento ed alla tipologia di materiale scelto.

Scegliere un pavimento in legno è dare

carattere ad un ambiente, fornirgli la

personalità che lo contraddistingue.

Nella scelta dei pavimenti in legno non vi

sono leggi immutabili e assolutamente

vere. Tutto dipende dallo spazio e

dall’ambiente che si deve pavimentare,

dalle esigenze a cui fare fronte e dal gusto

estetico.

Vi sono però delle regole generali, delle

buone pratiche, che possono aiutare nella

decisione per compiere un acquisto sicuro e

consapevole.

LO SPESSORE DEI LISTONI

Valutare lo spessore delle plance è

importantissimo per armonizzare il

pavimento della stanza che verrà rivestita

con quello delle stanze adiacenti, senza

generare scalini o piccoli dislivelli.

La scelta dello spessore delle tavole

influenza anche la loro resistenza agli urti,

l’assorbimento del suono, la solidità e la

tenuta del pavimento in generale. Lo

spessore delle tavole va sempre considerato

in proporzione alla loro dimensione.

LA DIMENSIONE DELLE TAVOLE

Oggi sono molto apprezzati i pavimenti in

legno con ampie tavole, lunghe, ma

soprattutto larghe. È un ottimo modo per

valorizzare lo spazio interno di una stanza,

godere delle fantasie naturali del legno e

ottenere un ambiente accogliente e

piacevole.

Questa soluzione è particolarmente

indicata per spazi medi o ampi nei quali la

superfice del pavimento visibile è estesa.

LAVORAZIONE E FINITURA DEL

PAVIMENTO IN LEGNO

Il panorama di lavorazioni e finiture che si

possono compiere sulla tavola grezza è

estremamente ampio . Questi interventi

assegnano carattere al pavimento e

permettono di personalizzarlo.

È molto importante in questa fase affidarsi

ai consigli di un esperto che sappia

indirizzarvi verso la soluzione più adatta

ai vostri bisogni e possa farvi comprendere

i vantaggi specifici di ogni lavorazione.

Vi sono interventi che mutano la superficie

delle tavole come: levigatura,

spazzolatura, piallatura. Gli interventi di

finitura come finitura a olio, a vernice o

tintura intervengono, invece, sulla

colorazione, sulla resistenza e sul design

del parquet.

IL TIPO DI POSA

In funzione alle caratteristiche dello spazio

da pavimentare si può optare per la posa

incollata, la posa flottante o quella

inchiodata.

Il tipo di posa è influenzato molto dallo

spessore della tavole, per tavole da 10 mm

è molto consigliata la posa incollata, per

quella flottante sono necessarie tavole di

dimensioni maggiori.

Prima di decidere il tipo di posa è

indispensabile far effettuare un sopralluogo

da un esperto per stabilire quale è la

miglior soluzione in relazione all’ambiente

che ospiterà il pavimento ed alla tipologia

di materiale scelto.

IdeaParquet.it

Tel: 3385214959

email: ideaparquet.it@gmail.com

IdeaParquet